I Nets travolgono i Suns 104-82

Inizia bene il viaggio ad ovest dei Brooklyn Nets, che nel deserto texano ottengono una nitida vittoria nei confronti dei Phoenix Suns.

Coach Atkinson continua a puntare per l’undicesima volta consecutiva sullo stesso quintetto composto da D’Angelo Russell, Caris LeVert, Joe Harris, Jared Dudley, e Jarret Allen. Phoenix risponde opponendo Devin Booker, Isaiah Canaan, Trevor Ariza, Ryan Anderson e la matricola numero del Draft 2018 Deandre Ayton.

L’inizio di partita vede entrambe le squadre abbastanza appannate in fase offensiva, solo Levert e Booker trovano la via del canestro con una certa continuità. I primi 10 punti dei Nets arrivano dall’area pitturata, mentre il tiro dalla lunga distanza fatica ad entrare. La pressione difensiva di Brooklyn è elevata, ma causa alcuni problemi nella gestione dei falli, con Joe Harris e Jarrett Allen che commettono abbastanza presto 2 falli, e sono così costretti a sedersi in panchina, sostituiti da Allen Crabbe e Ed Davis. La partita scorre in maniera equilibrata fino alla fine del primo quarto, che vede i Nets in vantaggio di 2 punti sul 24-22.

Nel secondo quarto Brooklyn mette la freccia nella voce rimbalzi offensivi grazie ad una prestazione super di Ed Davis, che consente ai Nets di piazzare un bel parziale di 14-3. Booker commette 3 falli ed è costretto ad accomodarsi anticipatamente in panchina per molti minuti, lasciando Phoenix priva del suo miglior realizzatore. La squadra di coach Kenny Atkinson ne approffita per aumentare il vantaggio a + 10 all’intervallo lungo, tutto costruito sui punti nell’area pitturata (28 a 10 per i Nets), mentre il tiro dalla lunga distanza non appare così preciso come in altre occasioni (3/16, 19%). Caris LeVert chiude con 10 punti, 2 rimbalzi e 1 assist, mentre D’Angelo Russell totalizza 9 punti, 5 rimbalzi e 2 assist.

 

Al rientro dagli spogliatoi i Nets continuano a condurre le danze, grazie ad alcune giocate offensive del solito LeVert, che prima conclude schiacciando nel primo possesso, per poi infilare una tripla sul filo del rasoio dei 24 secondi.

I Suns sembrano sul punto di crollare, ma a risollevare la squadra di casa ci pensa la super matricola DeAndre Ayton, che guida la squadra texana a realizzare un parziale di 9-0 che riporta Phoenix a -5 dai Nets sul 63-58.

Brooklyn non si fa prendere dall’ansia della remuntada, e nel giro di due minuti si riporta avanti di 11 punti, grazie a due triple realizzate rispettivamente da Dudley e LeVert. Caris è attivo anche in difesa, con due belle stoppate in rapida sequenza su Devin Booker. Alla fine del terzo quarto Brooklyn è avanti di 10 lunghezze.

 

 

L’ultimo quarto dei Nets vede uno Spencer Dinwiddie estremamente attivo in fase offensiva grazie a 7 punti che portano il vantaggio dei Nets a +14. Phoenix non riesce ad accorciare le distanze come nel terzo quarto, e questo consente a Brooklyn di piazzare una run di 9-2 che spegne definitivamente le velleità dei texani.

I texani crollano nel finale addirittura di 22 punti, grazie ai canestri della staffa di D’Angelo Russell e Caris LeVert, che chiudono la contesa sul 104-82. I Nets costruiscono la vittoria grazie ad una buona gestione del pallone (solo 10 turnover), e una difesa molto aggressiva capace di generare 21 punti sulle palle perse degli avversari. Il migliore in campo per Brooklyn è ancora una volta il numero 22 Caris LeVert, che chiude il suo match con 26 punti e 5 rimbalzi.

 

La seconda tappa del viaggio a ovest per i Nets è previsto per Sabato 10 Novembre sull’insidioso campo dei Denver Nuggets.

#WeGoHard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *